Inserto economico di 
 

Sara Tommasi "esperta" in finanza

Non preoccupatevi, non parleremo di gossip. Il tema è, ahimè, molto più triste e delicato. Sara Tommasi è un’esperta in finanza. Sara Tommasi è laureata alla Bocconi. Sara Tommasi tiene congressi e seminari insieme ad importanti esponenti della politica, dove espone le sue tesi e la sua ricetta per “sovvertire” il sistema bancario internazionale. Sara Tommasi si spoglia in pubblico davanti a Montecitorio. Quale di queste proposizioni suscita maggiore indignazione/schifo/rabbia/voltastomaco? Quale di queste immagini riflette con maggiore fedeltà lo stato attuale della cultura nel nostro Paese?

Ciò di cui la signorina Tommasi ama discettare è il “signoraggio bancario”. Mi rifiuto categoricamente di scrivere nel mio blog le ciclopiche stronzate che ho sentito nei suoi interventi, se qualcuno avesse il gusto dell’orrido può comunque reperirle facilmente sul web. Non mi stupisco del fatto che i vari Scilipoti, Marra e compagnia bella abbiano utilizzato l’immagine avvenente e provocatoria della Tommasi per ottenere maggiore visibilità. Non mi stupisco che la nostra “esperta” non abbia tardato a mostrarsi nuda nelle principali città italiane, rivelando così la sua vera natura. Ciò che invece mi fa rabbrividire (probabilmente perché mi tocca più da vicino) è il fatto che questa escort di alto rango (era presente ai festini di Arcore, questo non è gossip, è cronaca) possa vantare un diploma di laurea in finanza con voto 105 alla Bocconi.

A ben vedere, però, niente di nuovo sotto il sole. A quanto pare la Tommasi non è l’unica bellezza del jet set ad aver concluso con successo gli studi nel prestigioso ateneo milanese. L’attrice Katy Louise Saunders, che molti di voi avranno sicuramente potuto ammirare al cinema o in qualche telefilm sulla Rai, è laureata in Economia Aziendale. Tra i 19 ed i 24 anni (solitamente il quinquennio in cui noi comuni mortali ci laureiamo), la Saunders ha girato ben 8 film e 2 serie tv, trovando il tempo di studiare tra un ciak e l’altro….Che dire? Una studentessa modello! E’ “bocconiana” anche la modella Nina Senicar, testimonial di Roberta e Miss Sixty, concorrente dell’Isola dei Famosi e conduttrice Mediaset, così come Pierre Casiraghi o Aimone di Savoia, solo per citarne alcuni (l’elenco sarebbe lunghissimo). Cosa sta succedendo? E’ verosimile che i corridoi e le aule della Bocconi siano diventati backstage di una sfilata di moda? Perché la stragrande maggioranza degli iscritti negli ultimi anni appartiene alla buona borghesia, rampollame vario o semplicemente a famiglie di affermati manager che vogliono i propri figli all’altezza del loro nome?

La Bocconi è davvero diventata una griffe come un’altra da vestire per essere trendy e vincenti? Se da un lato è sbagliato pensare che brillanti carriere professionali siano necessariamente sostenute da risultati accademici eccellenti (come dimostra l’ex AD di Unicredit, Alessandro Profumo, laureatosi alla Bocconi con 94 a 30 anni), è altresì impossibile notare come il prestigio e la serietà della business school di via Sarfatti, siano stati utilizzati come un’etichetta scintillante per abbagliare, e quindi celare ciò che realmente sono molti dei laureati della Bocconi. Con questo non voglio assolutamente generalizzare, lungi da me esprimere giudizi perentori, anche perché conosco personalmente ragazzi che frequentano la Bocconi senza essere figli di star, nobili o quant’altro. Tuttavia il fatto che si possano verificare dei trattamenti di favore verso alcuni studenti con un particolare background, può essere quantomeno un’ipotesi. Una cosa è certa: laureati come Sara Tommasi fanno drasticamente calare la credibilità dell’università di Milano in Italia e all’estero. Speriamo che Monti, terminato il mandato di governo, possa tornare a mettere un po’ di ordine, anche se è più facile pensare che egli sia connivente.

Cristiano Ventricelli
 


Comments

Rebecca
02/29/2012 6:12am

Suona quasi come uno sputo per terra la conclusione di questo articolo. Sembra racchiudere molto cinismo. Abbastanza complottista inoltre... Sostanzialmente peró nulla di nuovo... Cioè, le cririche posso capirle e condividerle... Ma soluzioni?????

Reply
Cristiano Ventricelli
02/29/2012 6:24am

Non ci sono soluzioni...c'è forse un modo per impedire alle persone di potere di esercitare la loro "influenza"?Il problema non è la Bocconi, il problema sono i testi di medicina pilotati, i concorsi per notai e magistrati pilotati,i posti in Parlamento assegnati in modo non democratico, le riforme che non si fanno perchè sennò le varie lobby si incazzano...insomma la solita roba...come faresti tu per impedire tutto questo? Sarebbe necessario fare tabula rasa e ricominciare tutto da zero secondo me

Reply
Francesco
02/29/2012 9:29am

Tipo mani pulite? Non mi pare sia cambiato poi molto...

Reply
Cristiano Ventricelli
02/29/2012 12:41pm

Infatti secondo me non è cambiato nulla,solo che ora si è smesso di parlarne in quei termini...e onestamente penso che le cose non cambieranno mai perchè l'opacità dell'italiano è qualcosa di intrinseco e di ereditario...

Reply
Rebecca
03/01/2012 4:30am

Sempre più cinico Cristiano... Negli altri stati invece? Li é diverso? Li le persone sono limpide?

Reply
Cristiano Ventricelli
03/01/2012 5:01am

Assolutamente no ma non è un buon motivo per giustificare o ignorare quello che succede qui...Poi ovviamente vivendo in questo paese è normale avere l'impressione che le cose qui siano piu gravi che in altri posti,però per quanto riguarda alcuni settori è innegabile che siamo il fanalino di coda...mi ricordo una classifica che aveva fatto un giornale americano sulla corruzione nei paesi piu sviluppati e, insieme a grecia e russia, eravamo nella top 3

Reply



Leave a Reply