Inserto economico di 
 

Leo Fender contro Leo Fender

Ebbene si ragazzi, succederà una cosa che non molti si sarebbero aspettati: la “Fender Musical Instrument Corporation”, la più famosa casa di produzione statunitense di chitarre, si quota in borsa, puntando a raccogliere 200.000.000 dollari. La società sarà quotata al Nasdaq con il codice: FNDR.

Chissà come la prenderà Bruce Springsteen, anticapitalista per definizione, che sempre si fa fotografare assieme alla sua Fender Telecaster. Chissà se si preoccuperà dell’immagine che darà ai suoi amatissimi fan

Per molti versi la “Fender” è simbolo di libertà, musica rock, concerti, ragazzi svaccati sui prati.  Sicuramente gli appassionati non associano il marchio al capitalismo, a Wall Street e al consumismo sfrenato del XX secolo, anche se in realtà per una Stratocaster si vanno a spendere minimo 650 €, quindi non è proprio roba per il popolino.

Perché allora la Fender si quota in borsa? Perché perdere l’immagine che ha sempre avuto fin da quando è stata fondata da Leo Fender nel 1946? Di certo quotarsi in borsa non è consuetudine di un’impresa “Rock”!

La risposta è: rinegoziazione del debito e fame di crescita.

Dei 200.000.000 dollari 100.000.000 andranno a coprire il debito dell’impresa. Il resto andrà in spese generali e probabili acquisizioni di altre società.

La Fender ha avuto un calo di utile di 1 700 000 dollari nel 2011, con un debito di 239.600.000 $ per aver acquisito la Kaman Music. La Fender acquisisce poi la Gretsch che è specializzata nelle semiacustiche, la Jackson che è la preferita di chi ama il metal e ora chissà, con i soldi degli investitori magari si mangia pure la Gibson!

Insomma il profitto è sempre l’unico obiettivo dell’essere umano e ancor di più lo è quello delle persone giuridiche. Non importa la filosofia di una persona, in questo caso di una moltitudine di persone, ma ciò che conta è fare soldi. Punto. Forse è vero quel che dissero i Maya, quest’anno ci sarà la fine del mondo, intesa come la conclusione dell’età dell’oro. Perché se non si hanno più ideali, per quanto utopici, e si seguono solo i pezzi di carta verde che ogni giorno valgono sempre meno, tutto è destinato a sgretolarsi.


Luca Esatto


 


Comments

Alessandro
03/19/2012 7:55am

Prima di tutto grazie per aver messo un basso come foto...

Comunque chi produce strumenti musicali o in generale qualsiasi cosa non lo fa per beneficenza quindi è più che logico che si punti al guadagno (in un modo o nell'altro).
Tieni presente però che gli strumenti Fender non sono i più costosi,anzi..

Per esempio,chitarre e bassi music man costano in media 3000€
se parliamo di Gibson siamo anche lì intorno alle migliaia di euro...

Detto questo,non vuol dire che il prezzo più basso di uno strumento Fender significhi una minor qualità ovviamente...

Reply
Luca E
03/19/2012 10:49am

CIao Alessandro! Hai ragione, la fender non ha i prezzi più alti in assoluti, ma resta un must! Ne converrai... Di certo ci sono strumenti ancor più inavvicinabili, gia solo andando da un liutaio ci si puó sparare.
Logicamente il mio articolo ha una vena polemica... Ma è innegabile che fa effetto vedere la Fender che si quota. Non dico che sbaglia, anzi... Probabilmente ci sono dietro ragionamenti e strategie che io non posso assolutamente capire.
Resta il fatto che io non ho ne una strato ne una tele, mi accontento di una stagg e di una yamaha, verranno momenti migliori.... Oppure mi compro la telecaster da montare! Ciao alessandro!

Reply



Leave a Reply